acqua-dieta

L’acqua è l’alimento base per perdere peso
Lucini (Humanitas): «L’organismo ha bisogno di almeno un litro e mezzo fuori dai pasti, altrimenti il corpo si disidrata e non c’è ricambio». Di rubinetto, liscia o frizzante: l’importante è non privarsene e sostituirla alle bevande zuccherate.

Si chiama la dieta dell’acqua. E non è, come potrebbe far pensare, una proposta commerciale per convincere chi è alla ricerca del peso forma. È in realtà la dieta più antica del mondo. Due litri al giorno di rubinetto o in bottiglia, assicurano al corpo il ricambio idrico e facilitano il mantenimento o la conquista della forma. Zero calorie, l’acqua aiuta la regolarità intestinale e funge da potenziatore di un regime alimentare dimagrante.

Bottiglia sul tavolo

Daniela Lucini, responsabile della sezione di medicina dell’esercizio e patologie funzionali dell’ospedale Humanitas, parte da qui quando deve impostare un programma con i pazienti: «Mi dimentico, non mi piace, non ho tempo, non so dove prenderla…Sono le scuse più frequenti che vengono accampate quando rivolgo la domanda sull’acqua. In modo erroneo vengono preferite bevande zuccherate o addizionate. Invece tenere la bottiglia a portata di mano sulla scrivania, essere avvertiti dalla sveglia del cellulare quando è il momento di dare qualche sorso o preparare una tisana calda come alternativa, sono consigli utili per non dimenticare che bere deve diventare un piacere. È fondamentale».

Massa corporea

Un gruppo di ricercatori dell’università del Michigan hanno studiato le abitudini di un campione di americani tra 18 e 64 anni. Gli adulti inadeguatamente idratati avevano un maggiore indice di massa corporea (Bmi), cioè il rapporto tra peso e altezza e maggiori probabilità di diventare obesi rispetto ai ben idratati. In media, dice l’esperta, bisognerebbe bere due litri d’acqua al giorno fuori dei pasti, anche in inverno: «Alternare la liscia alla frizzante. Quest’ultima può essere causa di un lievissimo gonfiore che sparisce in pochi minuti. Chi teme un effetto del genere può optare per la leggermente e naturalmente frizzante, più gradita al palato».

Prima colazione

Per un dimagrimento fisiologico è importante idratarsi. Inutile sacrificarsi con diete ferree se poi ci si dimentica di aiutarsi con l’acqua. Se manca, l’organismo va a cercarla dove la trova. Da qui la disidratazione. Quando bere? «Durante l’intero arco della giornata – consiglia Lucini – La mattina un bicchiere a colazione è il modo giusto di cominciare. Di sera, zuppa e tisane».

 

Fonte: Corriere.it

Write a comment:

*

Your email address will not be published.

2018 © Copyright - MedOS Srl - Via Milano, 29 (CT) P.Iva 04913570877

Per le urgenze: 095 2966178